Quali di questi errori commetti quando crei il tuo “magnete”? (POST 3 di 3)

Eccoci arrivati al terzo dei 3 errori più frequenti che puoi commettere quando ti  appresti a creare il tuo magnete.

Nei 2 post precedenti ho spiegato cos’è un magnete e perché è un elemento così importante per attirare l’attenzione dei tuoi clienti.

E come sia fondamentale condividere in modo generoso e disinteressato il tuo sapere e la tua esperienza, per creare un contenuto che sia di reale interesse e utilità per la tua audience.

Se non li hai ancora letti ti suggerisco di partire con il primo post che trovi qui e proseguire, quindi, con il secondo.

Se invece li hai già letti, molto bene, possiamo ora dedicarci all’errore assolutamente da evitare per non vanificare lo sforzo fatto fin qui.

Immagina le prime due fasi, che ho descritto nei precedenti articoli, come i giorni che precedono un importante appuntamento con una persona che desideri sedurre e conquistare definitivamente.

Pensi a lei in ogni momento per immaginare cosa le possa piacere di più.
Ti concentri su ogni singolo dettaglio per tentare il più possibile di proporre una serata che incontri i suoi gusti e soddisfi i suoi desideri più profondi e autentici.
Prenoti, così, un tavolo nel suo ristorante preferito, ordinando in anticipo il menù dei suoi sogni.

Hai fatto tutto alla perfezione solo che alla fine… non ti fai vedere all’appuntamento!

Ecco dunque il terzo letale errore da evitare dopo aver fatto tutto il lavoro e messo online il tuo magnete:

Errore Nr.3:
Creare un magnete e metterlo online pensando che, ora, le tue “fatiche” sono finite.

Tutt’altro! Sei solo all’inizio del tuo lavoro di comunicazione e relazione con i tuoi potenziali clienti.

Una volta che la tua risorsa è stata ben confezionata e soddisfa pienamente l’esigenza, il bisogno, che hai individuato nella fase precedente del tuo lavoro, quello dell’analisi del mercato e del target, inizia il bello!

Giunge il momento, finalmente, di goderti la serata!

Cosa voglio dire?

Come ho spiegato nel primo post, il magnete ti serve per intercettare l’attenzione del potenziale cliente e indurlo a lasciarti i suoi dati di contatto, email in primis, per poter avviare una CONVERSAZIONE con lui che si porti avanti nel tempo e che può avere differenti obiettivi:

fare lead generation, cioè costruire e ampliare la tua lista contatti

introdurre un nuovo prodotto di viaggio

lanciare un’offerta speciale, limitata o a tempo

invitare gli iscritti della lista a una presentazione online 

generare referral, cioè chiedere ai clienti di procurarti referenze e altri contatti offrendo in cambio un particolare vantaggio

riattivare vecchi clienti inattivi

e molto, molto, altro ancora…

Quindi, una volta che il tuo magnete è pronto, devi pensare alla comunicazione che rivolgerai ai contatti che, via via, entreranno nella tua lista.

Perché ricorda sempre che lo scopo principale del tuo magnete è:

Creare la tua lista di contatti e dialogare in modo costante con loro per trasformarli in clienti ripetuti.

Bene, ora che l’obiettivo è chiaro, vediamo più nel dettaglio come fare.

Innanzitutto hai bisogno di una piattaforma di email marketing che faccia il lavoro al posto tuo.

Il che significa che non dovrai inviare tu, manualmente, ogni singolo messaggio a ogni singola persona che si iscrive alla tua lista.

Ma dovrai solo impostare i 10-15-X messaggi che vuoi recapitare, scegliendo la cadenza temporale, e l’autoresponder (lo strumento dedicato a questo tipo di invii) farà tutto da solo.

In questo modo potrai dedicare il tuo tempo ad attività ben più strategiche e produttive di inviare email tutto il giorno.

Ti piace l’idea?

Di piattaforme da utilizzare ce ne sono molte: Active Campaign, GetResponseMail Chimp sono le più famose, ma ne puoi trovare facilmente molte altre.

Alcune sono solo in Inglese altre anche in Italiano.

Puoi utilizzare versioni free o a pagamento a seconda della grandezza della tua lista e delle tue necessità.

Il mio consiglio più spassionato è di valutare bene cosa devi fare prima di attivare abbonamenti che costano anche qualche centinaio di euro al mese.

Vedo spesso, ad esempio, clienti che scelgono Clickfunnel + Active Campaign senza averne realmente bisogno.

Quindi, attenzione sempre alla strategia, che deve essere il tuo faro nella notte, colei che ti guida in ogni passo e in ogni scelta che dovrai fare per creare una macchina di comunicazione e marketing che funzioni in maniera sistematica.

Per concludere voglio metterti in guardia su un ultimo errore.

Chiamiamolo errore “bonus” 😉

Il 4 grave errore in cui vedo cadere spesso, anche gli operatori turistici più evoluti e intraprendenti.

 

Errore Nr.4:
Avere un funnel  composto da in tot di email che si interrompe senza dare più seguito alla comunicazione.

Una delle domande che mi rivolgono di frequente i professionisti del mondo dei viaggi e che forse ti starai domandando anche tu in questo momento è:

“quanto deve durare il mio Travel Funnel?”

La mia risposta è sempre la stessa.

Il tuo Travel Funnel non deve finire mai!

funnel no stop

L’unico che può permettersi di interrompere il dialogo è il tuo cliente, cancellandosi dalla tua lista.

Finché è in lista, la tua comunicazione deve proseguire, sviluppando argomenti di suo interesse che lo portino, progressivamente, a conoscere sempre meglio il tuo prodotto e servizio, a desiderarlo e a preferirti ai tuoi concorrenti nel momento dell’acquisto.

Bene. Ora siamo proprio giunti alla fine di questa “mini-guida” dedicata al magnete.

Spero che le informazioni contenute nei 3 articoli che ti ho inviato in queste due ultime settimane ti possano essere d’aiuto e d’ispirazione per il tuo business.

Soprattutto in un momento come questo in cui, come sappiamo, siamo tutti in attesa che il mercato possa finalmente mettersi in moto per ricominciare a vendere viaggi.

Nel frattempo, se vuoi scendere più in profondità e scoprire come sfruttare il sistema Travel Funnel® per ottenere clienti profilati dal web e tenerteli stretti per molto tempo, ti suggerisco di proseguire con il corso gratuito in 3 video, cui puoi accedere iscrivendoti qui.

Ti aspetto… dall’altra parte 😉

Guendalina Vigorelli Travel Funnel